su blog de chie non cheret seberare intro natura e cultura

su blog de chie non cheret seberare intro natura e cultura
Loading...

mercoledì 10 luglio 2013

Mànnigos de atualidade: s'arrieddu

Dae oe a sabadu, in TCS a sas 8 e cuartu de sero amus a chistionare de su fotovoltàicu de Narabulia. Amus atobiadu a su Comitadu "S'arrieddu".


Sunt puntadas de importu, ca si faeddat de su territòriu nostru.
Ospite Claudia Zuncheddu.

venerdì 5 luglio 2013

RADIO UNO RAI: Totu e nudda, su programma de s'istadiale.

Ocannu puru, comente s'annu passadu bos amus a fàghere cumpangia, cun Bachisio Bandinu, cun sa trasmissione Totu e nudda, onni lunis in Radio Uno Rai a mesudie e mesu.



Su programma de s'stadiale at a èssere:
1. s' 8 de trìulas at a èssere cun nois Mauro carta, presidente de s'ACLi de sa Provìntzia de Casteddu e cun issu amus a chistionare de traballu e prus che totu de pitzinnos chi chircant traballu;
2. su 15 de trìulas amus a tènnere in istùdiu a Claudia Zuncheddu e cun issa amus a chistionare de sa lege eletorale de sa regione Sardigna;
3. su 22 de trìulas amus a intervistare a s'assessore de su turismu Luigi Crisponi. Cun isse amus analizadu sa situatzione de su turismu ocannu in Sardigna;
4. su 29 de trìulas amus a atobiare a Graziella Caria de Guspini, mere de unu mobilifìciu chi faghet parte de sa retza de LA CASA VERDE CO2.0, coordinada dae Daniela Ducato;
5. su 5 de austu amus a tènnere cun nois a Oriana Putzolu, segretaria de sa CISL, chi nos at a faeddare de traballu de prus che totu de sas fèminas in su traballu a dies de oe;
6. su 12 de austu amus a chistionare de cantu a tenore cun Andrea Deplano, chi est istudiende su sinnificadu de sos sonos de su cantu;
7. su 19 de austu amus a atobiare a Omar Onnis chi nos at a presentare su libru TUTTO QUELLO CHE SAPETE SULLA SARDEGNA E' FALSO
8. su 26 de austu amus a intervistare a Omar Bandinu de su tenore de Mialinu Pira de Bitti e sos tenores de aterue;
9. su 2 de cabudanne amus a atobiare a Giacomo Mameli pro faeddare de cultura in sas biddas;
10. su 9 de cabudanne amus a chistionare de iscola de de autonomia iscolàstica cun mariella Marras;
11. su 16 de cabudanne amus a intervistare a Mario Medde, ex segretario CISL, chi nos at a contare s'istòria de sa CARTA DE ZURI
12. su 23 de cabudanne amus a atobiare a Salvatore Dedola, chi nos at a contare sos istùdiu chi est faghende subra su raportu intre limba sarda e limbas antigas de su mèdiu Oriente.

lunedì 1 luglio 2013

Mànnigos de atualidade, puntadas dae su primu a su 6 de trìulas

Custa chida semus andados a Udine pro unu atòbiu de importu mannu chi est istadu organizadu pro festare sos 20 annos de sa carta europea de sas limbas de minoria. Amus intervistadu a William Cisilino, diretore de s'Arlef, Marco Stolfo, espertu de minorias linguisticas e operadore de isportellu de su Comune de Udine. Semus andados a Radio Onde Furlane e amus atobiadu a su diretore Mauro Missana, amus intèndiu a Carli Pup, a Pauli Cantarut e duos pitzinnos bravos meda: sos Cjastrons.
Gòbia e chenàbura incumintzamus a unu viàgiu pro cumprèndere mègius ite est sutzedende in Provìntzia de Aristanis, in ue multinatzionales de s'energia sunt pedende permissos pro chircare gas e geotèrmicu e in ue multinatzionales cinesas ant giai cumintzadu a pònnere serras fotovoltàicas chi sunt pistighinzende meda sos citadinos. Issaras, chirchende de cumprèndere mègius amus intèndiu espertos e citadinos. Sas primas bator puntadas sunt subra su progetu Eleonora, sas àteras ant a faeddare de s'atzione de su comitadu s'arrieddu e de su progetu Cuglieri



Lunis: Udine, Cunferèntzia pro sos bint'annos de sa Carta Europea dea sas limbas de minoria
Martis: Cunferèntzia pro sos bint'annos de sa Carta Europea dea sas limbas de minoria
Mèrcuris: Radio Onde Furlane
Giòbia:  Radio Onde Furlane
Chenàbura:  Arborea: Progetto Eleonora
Sabadu: Arborea: Progetto Eleonora

martedì 25 giugno 2013

Mànnigos de atualidade, puntadas dae su 24 a su 29 de làmpadas

Custa chida amus atobiadu sos assòtzios seddoresos chi preparant sa batalla, Boreddu Cubeddu, chi nos at contadu su traballu chi faghet sa Fondazione Sardinia, Pepe Molinu, chi nos at faeddadu de ballu sardu e sos pitzinnos de sa Consulta "de is zòvonus" de Bauladu chi s'ant presentadu su DU Festival.



Lunis: Gruppo storico medievale le dame e l’ arme, Antonio Bandinu
Martis: Gruppo storico medievale le dame e l’ arme, Antonio Bandinu
Mèrcuris: Salvatore Cubeddu
Giòbia:  Giuseppe Molinu
Chenàbura:  Giuseppe Molinu
Sabadu: Du Festival

martedì 11 giugno 2013

CHENTU CONCAS E CHENTU PELLICULAS

Còpiu torra inoghe sa lìtera de Marco, chi comente aiat fatu Simone Contu s'annu passadu e prima ancora Peter, agiudadu dae mea e fintzas dae Marco e Francesco Bussalai, est pighende in càrrigu custu còmpitu de pònnere paris custas chentu concas e chentu berritas de su cìnema sardu... Cundividu totu, ca in custa chistione sas chentu concas e chentu berritas sunt sa richesa nostra. Chentu concas e una berrita ebia diat a èssere unu dannu, chentu berritas e una conca est una confusione chi no nos depet apartènnere. Donniunu tenet sa conca e sa berrita sua, sos istrumentos e sa creatividade chi ddi depent permìtere de traballare in custu setore a tenore de su chi ischit pònnere in campu. Solu custu. Deretos e oportunidades pro su chi ischimus fàghere. Chi non siet unu piaghere, piagheres non de cherimus. Prus che totu dae chie dae semper nos at abituadu a sa règula de sa fune curtza.





Buongiorno e ciao a tutti,

sarò franco e il mio linguaggio sarà poco ricercato: come tutti sapete, e senza bisogno in questa sede di precisare troppo, la Regione Sardegna stanzia per il settore cinematografico e dell'audiovisivo (uno dei pochi settori in cui l'investimento pubblico ha un ritorno immediato e diffuso sul territorio), una quantità ridicola di denari. L'abbiamo visto chiarissimo quest'anno: la Film Commission non viene dotata di fondi adeguati e personale sufficiente e quando cerca di dotarsi di tali fondi e di tale personale e vi riesce, attraverso la Comunità Europea o investitori privati, e attraverso attività di lavoro temporaneo per quanto riguarda la ricerca del personale, viene rallentata (quando non bloccata del tutto) dalla politica; la legge cinema viene dotata di fondi a dir poco risibili e inadeguati; il cinema è trattato, nel migliore dei casi, come una rottura di palle, un'attività culturale da artisti capricciosi che pretendono soldi pubblici per dare sfogo alle loro pippe mentali e alla loro voglia di notorietà e non come un settore produttivo e un comparto lavorativo importante, moderno, fruttifero dal punto di vista economico e soprattutto pulito, quale potrebbe diventare e in parte è già adesso, se consideriamo il settore in modo più ampio, e cioè non solo come "produzione cinematografica tout court" ma come "industria culturale dell' audiovisivo", comprendendovi (a livello di produzione) non solo i film a soggetto commerciali e quelli d'autore, ma anche i vari generi del documentario, il reportage geografico, storico, turistico, il film promozionale, industriale, commerciale, lo spot pubblicitario e quello sociale, il videoclip musicale, la documentazione delle attività culturali, i videolibri, i contenuti per il web e quant'altro.

So perfettamente che ci sono un'infinità di problemi irrisolti. I modi di vedere e raffrontarsi al problema sono vari, diversi, spesso contrastanti. E spesso i contrasti fra questi modi di vedere il problema, da parte soprattutto degli autori e delle istituzioni che si occupano direttamente, o come attività complementare, di cinema e audiovisivi, hanno portato e portano di fatto ad un'immobilità che non ci permette, alla fine, di far valere veramente il nostro diritto di lavorare e di ricevere le giuste attenzioni, supporto e tutela dalle istituzioni in primo luogo regionali, attenzioni che dovrebbero tradursi, in primo luogo in una spesa adeguata, consistente e affidata a regole certe e snelle, compatibili con i tempi necessari alla nostra tipologia imprenditoriale e lavorativa.

La situazione, inutile nascondercelo, è grave, urgente. Ne siamo colpiti a vario titolo e in modo diverso tutti. E quando dico tutti, intendo tutti. Poi possiamo discutere dei modi in cui ognuno cerca di salvare la propria situazione personale o del proprio progetto, data la situazione di partenza, ma sono convinto che ora sia necessario incontrarci e trovare il modo di fare davvero fronte comune. Non per cambiare la legge cinema, ora sarebbe troppo riduttivo (verrà il momento anche per quello, però, perché nonostante l'ammirevole sforzo e il lavoro di molti di voi che per anni si sono riuniti ed hanno lavorato per fare in modo che ne avessimo una, quest'ultima si rivela oggi, per vari motivi, inadeguata, lenta e poco operativa, poco moderna, anche, ma questo è un mio punto di vista personale).

Dobbiamo rivoluzionare la percezione del problema, essere uniti e fare massa critica per ottenere il riconoscimento tangibile del nostro comparto produttivo e lavorativo.

Ma per poter decidere delle strategie comuni, occorre incontrarsi, conoscersi meglio, conoscersi tutti, rappresentare le proprie istanze, i propri punti di vista, le angolazioni dalle quali ognuno di noi vede il problema a seconda del suo settore di pertinenza (maestranze, attori, registi, autori, scrittori/sceneggiatori, produttori, distributori, etc. etc.). E poi, tutti insieme, decidere come muoverci. Le letterine agli assessorati, da sole, valgono al massimo una promessa pre-elettorale, nel migliore dei casi. Occorre, a parer mio, ma so anche di molti di voi, fare delle azioni più eclatanti. Sappiamo raccontare con le immagini e con i media. Dimostriamolo. Usiamoli.

Quel che è certo è che tutti, in un modo o nell'altro, abbiamo bisogno di dare una volta per tutte una sveglia alla politica sarda e ottenere, non chiedere, la giusta attenzione, le giuste risorse, le giuste progettualità a breve e lunga scadenza e regole certe e snelle.

Ci tengo a precisare che con questa mia comunicazione non intendo propormi in nessun altro ruolo se non quello di chi si è rotto le scatole di vedere che mentre noi ci ignoriamo a vicenda oppure discutiamo di cosa bisognava fare, di come quello ha avuto i soldi per il suo film o quell'altro non è stato manco cagato dalla Film Commission, la politica continua a destinare la Sardegna ad un futuro di disoccupazione e tumori, camuffando tutto con depliant turistici da paura, il tutto spendendo un sacco di soldi che potrebbero facilmente essere destinati alla crescita vera della nostra economia e della nostra società, anche attraverso il finanziamento della nostra attività anzi che di altre.

Noi, la gente che lavora (non si fa le pippe) con le immagini, ne siamo parte, di quella società lì, anche quando viviamo in continente, o all'estero, e dobbiamo fare, credo, la nostra parte nella lotta per il cambiamento. E altrimenti facciamolo solo per noi stessi, ma facciamo qualcosa, insieme.

Per migliorare il nostro lavoro, anzi, per poterlo fare, il nostro lavoro, e di conseguenza poter creare anche una ricaduta economica, sociale e culturale, dobbiamo impegnarci, perché qui nessuno ci regala niente e quando ci danno due soldi sembra davvero che te li stiano regalando, non che stiano facendo il loro dovere di promuovere economia e cultura..

Io, con questa mia lettera/invito voglio solo proporvi di rinnovare quest'impegno, migliorarlo, renderlo centrale nella nostra attività, e proporvi in primo luogo un nuovo incontro al quale partecipino TUTTI coloro che lavorano nel cinema e nell'audiovisivo in Sardegna. Registi, sceneggiatori, scenografi, costumisti, parrucchieri, aiuto registi, produttori, distributori, maestranze, attori etc. etc. (mi si scusino le donne per aver usato solo il maschile è solo per facilità di lettura...).

Il Sardegna Film Festival, nella persona del suo organizzatore Carlo Dessí (con cui abbiamo scambiato delle impressioni sul problema dopo aver letto gli ultimi bandi regionali) ci dà la possibilità di riunirci il 29 di giugno a Sassari, in occasione della giornata di chiusura del festival, in una grande aula dell'Università.

Si accettano proposte riguardo la durata dell'incontro. Abbiamo a disposizione senz'altro tutta la giornata del 29 e se vogliamo anche il 28. E così magari, la sera del 28, ne approfittiamo, ci vediamo un po' di film insieme e ci facciamo una birra, e il giorno dopo continuiamo a lavorare. In questo caso gli organizzatori cercherebbero di facilitarci condizioni favorevoli presso strutture ricettive di Sassari per pernottamento e pasti.

La cosa non verrà pubblicizzata e non si farà, a meno che da voi non arrivi un segnale positivo in favore dell'iniziativa e una corposa adesione. Siamo tutti invitati, senza preclusioni di prestigio, ruolo o professione. C'è bisogno dell'esperienza quanto dell'inesperienza, così come delle idee e delle caratteristiche di tutti.

Spero che siate tutti interessati. Facciamo movimento tutti insieme.

Ripeto, questo è solo un invito, non mi propongo di condurre nessun gioco, non sono un buon organizzatore e non ho mai avuto interesse a fare il condottiero di niente.

Dal primo momento in cui ci incontreremo, il sottoscritto passerà ad essere semplicemente uno in più di quelli che si sono riuniti nel posto in cui ci riuniremo.

Vi saluto e vi abbraccio come colleghi, amici e collaboratori presenti e futuri

Marco Antonio Pani

lunedì 10 giugno 2013

Mànnigos de atualidade, puntadas dae su 10 a su 15 de làmpadas

Custa chida amus atobiadu a Gigi Stochino, professore de iscola, chi nos at contadu de s'importàntzia de su sardu in iscola e de s'oportunidade de pòdere seberare su sardu in su POF. Amus chistionadu de su MARINA CAFE' NOIR e de sos finantziamentos a sa cultura cun Francesco Scano e Giacomo Casti. Amus atobiadu a sos istudentes de FILS e cun issos amus faeddadu de sa formatzione de sos professores e de su mètodo CLIL in sardu in sas iscolas de Sardigna.

Lunis: Gigi Stochino
Martis: Francesco Scano e Giacomo Casti
Mèrcuris: Francesco Scano e Giacomo Casti
Giòbia:  FILS
Chenàbura:  FILS
Sabadu: FILS

giovedì 6 giugno 2013

Sono usciti i bandi cinema: UN ISOLA TUTTA DA GIRARE (MA SENZA MACCHINA DA PRESA)

Pubblico questo post di Facebook scritto da Marco Antonio Pani perchè modestamente anche io, nel mio piccolo, faccio parte di quell'elenco. Non posso che essere d'accordo con Marco. Stamattina partirò per Udine dove alla conferenza internazionale per i 20 anni della carta europea delle lingue minoritarie parlerò del Babel Film Festival e del cinema sardo. Ne parlerò con orgoglio, perchè di autori e professionisti bravi in Sardegna ce ne sono davvero tanti, ma come spesso capita candu non ddi at dinare nois nos depimus pònnere in fila, ca non contamus nudda e candu invetzes arribbat su primu imboddiosu fanfarone dae foiras li ponent su tapete arrùbiu e dd'aperint su siddau (vedi Claver Salizzato cun su progettu pro su film de Eleonora e medas àteros). No est solu a nàrrere ca su cinema est una industria, est fintzas a ddi pònnere cambas pro camminare. Tenide passièntzia Film Commission e Regione, ma custa est s'àndala isballiada. Nos sezis pighende in giru e nois nde semus istracos.



A tutti coloro che in modo diretto o indiretto hanno deciso di stanziare per il cinema in Sardegna la cifra demenziale di euro 230.000.
Mi chiamo Marco Pani. Battezzato Marco Antonio. Faccio o cerco di fare, oppure ho cercato di fare, - questa è la frase giusta - il regista, o meglio l'autore di racconti realizzati col linguaggio audiovisivo del cinema e del video, da ventitré anni. E sono sardo.
E siccome sto valutando, in questo periodo, l'opportunità di abbandonare questa strada per dedicarmi a qualcosa "di più serio" e meritevole d'attenzione da parte delle istituzioni Regionali (e non solo), tipo comprarmi una trivella e cercare il metano sotto il parco di Molentargius, ho deciso, prima, di dire la mia sull'argomento.
Per farlo, però, ho bisogno di fare un piccolo elenco.
Bonifacio Angius, Simone Contu, Paolo Zucca, Peter Marcias, Giovanni Coda, Paolo Carboni, Simone Lecca, Daniele Atzeni, Giovanni Columbu, Salvatore Mereu, Enrico Pau, Enrico Pitzianti, Gianfranco Cabiddu, con tutta modestia, nel suo piccolo, anche il sottoscritto e svariati altri che prego di aggiungersi a questo post. (...)
Sono solo alcuni degli autori che, a vario titolo, in modi, con generi e risultati diversi, hanno fino ad ora realizzato opere, frutto del loro ingegno, nate da loro idee e per questo da loro proposte e promosse in prima istanza. Attraverso la loro realizzazione, in vario modo, la Sardegna ha conosciuto meglio sé stessa e si è proposta al resto del mondo MA SOPRATTUTTO SI È CREATO DEL LAVORO.
E qui viene un altro piccolo, esemplificativo elenco
Pietro Rais (scenografo), Gabriel Lasio (scenografo), Salvatore Aresu (scenografo e costumista)
Hanno bisogno di un'equipe minima di circa 3/5 persone per realizzare il loro lavoro.
L'indotto del loro reparto è rappresentato da ricadute economiche su.
fornitori di materiali per l'edilizia
fornitori di legnami
fornitori di vernici e tinte
fornitori di tessuti
drogherie
negozi di bricolage
negozi dell'usato
antiquari
ecc.

Stefania Grilli (costumista)

Ha bisogno di circa 2/6 persone a seconda del film
e prevede l'impiego indiretto di almeno altre 2/3 persone
Le ricadute di questo reparto riguardano
negozi di tessuti
robivecchi
negozi d'abbigliamento
mercerie
copisterie
sartorie
librerie
ecc.

Corrado Serri (direttore della fotografia)

la sua squadra impiega altre 3/4 persone
Le ricadute riguardano
aziende di noleggio di attrezzature fotografiche
aziende di noleggio di attrezzature di illuminazione e macchine cinematografiche
negozi di fotografia
negozi di tessuti

Gerolama Sale, Roberta Pili (parrucchiere cinematografiche)

la loro equipe varia da 2 a 4 persone minimo a seconda del film
la ricaduta economica riguarda
negozi di materiali e prodotti per parruccheria

Karel (produttore)

la sua equipe varia da 3 a 20 persone occupate
le ricadute del lavoro della squadra di produzione variano talmente da investire praticamente tutto il tessuto produttivo dell'economia
in particolare:
ristorazione
industria alberghiera
ricaduta diretta nelle casse comunali per autorizzazioni alle riprese, parcheggi, riserva di spazio pubblico per le riprese
cartolerie e materiali di cancelleria
negozi di telefonia
negozi di elettronica
società di produzione terze per realizzazione di:
montaggio del film
distribuzione
disegno e stampa di materiale promozionale
ecc.

Contribuiscono inoltre in modo diretto alla realizzazione di un film di fiction:

aiuto operatore, assistente operatore/fuochista, controllo video, aiuto scenografo, attrezzista di scena, costruttore, pittore, aiuto costumista, assistente ai costumi, aiuto regista, assistente alla regia, 2º assistente alla regia, segretaria/o d'edizione, capo elettricista, primo elettricista, secondo elettricista, mecchinista di scena, aiuto macchinista, gruppista, autotrasportatore, direttore di produzione, aiuto di produzione, 1º, 2º, 3º assistente alla produzione, runner, ispettore di produzione, tesoriere, personale amministrativo, ecc.
Ma per fare un film, ci vogliono gli attori ed allora solo a titolo d'esempio, un altro piccolo elenco, e sono solo pochissimi attori che conosco personalmente ma ce ne sartebbero, ovviamente da citare ancora un sacco:
Massimiliano Medda
Simeone Latini
Isella Orchis
Lia Careddu
Clara Murtas
Cesare Saliu
Gianluca Medas
Giampaolo Loddo
Benito Urgu
Emma Medas
Daniele Meloni
Gianfranco Cudrano
Nuzio Caponio
Francesco Origo
Nicola Adamo
Antonio Careddu
Piero Marcialis
Maria Loi
Luciano Curreli
Rosalba Massimo Piras

sono appena un esempio limitatissimo della quantità di attori sardi che hanno partecipato finora ai vari film lunghi o corti che sono stati realizzati in Sardegna negli ultimi 15 anni e per i quali il cinema è e rimane un episodio, un'eccezione.

Decine e decine di comuni della sardegna sono stati coinvolti nella realizzazione di film di lungo e corto metraggio e prodotti audiovisivi dei generi più vari, potendo così promuovere il porprio territorio e in molti casi inserendo un periodo di crescita culturale e sociale per le proprie comunitpa propiziato proprio dal lavoro di preparazione e realizzazione dei filmati.
A fronte di quanto elencato fino ad ora, apprendiamoche i nostri governanti regionali hanno destinato alla legge che dovrebbe finanziare il comparto cinematografico, circa 230.000 euro.
Con questi 230.000 euro si dovrebbe finanziare:
sviluppo di sceneggiature di lungometraggio
produzione di cortometraggi cinematografici
Soldi pochi e praticamente buttati.
È come aiutare l'industria mineraria comprando i martelli a 5 minatori.

Se invece la Regione finanziasse 20 film da 1 milione di euro all'anno con solo il 20% del budget (ovvero con 200.000 euro ciascuno) chiedendo in cambio che il 130% (minimo) di quei denari siano investiti sul territorio dell'isola e che il 50% del personale del film sia sardo, il risultato sarebbe:

a fronte di un investimento di 4.000.000 di euro, 20 film realizzati in Sardegna e distribuiti (alcuni solo in Sardegna, altri in italia, altri in Europa, o nel resto del mondo. Tutti in tutto il mondo, tramite il web).
Una ricaduta immediata sul territorio del 130%. Ovvero , diamo 4.000.000 alle produzioni, ma loro sono tenute a spenderne entro un anno e mezzo sul territorio almeno 5.200.000.
Ricaduta diretta in occupazione di categorie altrimenti destinate ad emigrare o a disperdere le loro competenze.
Ricaduta diretta in occupazione tramite l'incremento del lavoro di strutture ricettive, alberghiere, turistiche, manifatturiere, artigiane, ecc.

E invece, quest'anno, ci sono 230.000 euro, per il cinema.


Per interventi "a favore del lavoro nei call center" 491.000.